Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Per maggiori informazioni clicca qui.


NOTIZIE


03-02-2020

Immobiliare commerciale italiano da record: nel 2019 crescita del 40% e raddoppio di investimenti internazionali

Il mercato dell’immobiliare commerciale italiano mette a segno negli ultimi dodici mesi una crescita del 40%, il miglior dato in assoluto e segna nel quarto trimestre del 2019 il miglior quarto di sempre.

Numeri record messi in evidenza nel recente rapporto realizzato da BNP Paribas Real Estate Italy, in cui viene calcolato che nell’anno conclusosi da poco, c’è stato un giro d’affari nella compravendita di immobili commerciali in Italia pari a circa 12,2 miliardi di euro, 5,1 miliardi solo nel Q4, che rappresenta un’impennata del 45% rispetto al medesimo trimestre dell’anno precedente.

“Le ottime premesse manifestatesi sin dai primi mesi dell’anno, sono state confermate rendendo il 2019 il miglior anno di sempre per gli investimenti nel mercato immobiliare commerciale italiano”, ha commentato Cristiana Zanzottera, responsabile dell’Ufficio Studi di BNP Paribas Real Estate Italy. “Molti gli elementi che hanno contribuito a questo risultato”, ha aggiunto la Zanzottera, “tra i quali l’abbondanza di liquidità globale, il permanente contesto di bassi tassi di interesse e un’offerta di prodotto interessante, anche in termini di prezzo, rispetto ad altre realtà europee”.

Se la crescita record degli investimenti nell’immobiliare commerciale nostrano nel 2019 è una bella notizia, il dato che tali investimenti siano stati per il 75% di respiro internazionale, consolida anche l’attrattiva globale che l’Italia rappresenta: “È chiaro che ormai il mercato italiano presenta una maturità e una trasparenza in grado di soddisfare le esigenze di tutte le tipologie di investitori”, ha ancora dichiarato la Zanzottera.

I maggiori investitori internazionali, che hanno tutti raddoppiato il loro interesse per il mercato immobiliare commerciale italiano, sono stati gli USA con circa 3,2 miliardi di euro, seguiti dalla Francia che ha invece raggiunto investimenti pari a circa 1,5 miliardi di euro, e dalla Germania con investimenti pari a circa 1,1 miliardi di euro.

Scendendo nel dettaglio dei vari segmenti del mercato, dai dati elaborati da BNP Paribas Real Estate Italy, si evince una dominazione del settore uffici, con investimenti nel 2019 pari a 4,8 miliardi di euro, che rappresentano il 40% del totale. Seguono gli investimenti nel settore alberghiero (3,3 miliardi di euro), quelli del settore Retail (1,9 miliardi di euro), del settore Logistica (1,4 miliardi di euro) e del settore Alternative (400 milioni di euro).

I rendimenti netti prime nei principali settori del mercato si mantengono in generale stabili, con il settore Retail  / centri commerciali che si conferma il più remunerativo, con un rendimento che si attesta intorno al 5,50%, dato invariato per il quarto trimestre consecutivo. I rendimenti nel settore Logistica sono invece intorno al 5,25% e quelli degli uffici nelle principali città di Roma e Milano oscillano tra il 3,30% e il 4%.

le due città italiane più attrattive per gli investitori rimangono proprio Roma e Milano, quest’ultima con un totale di circa 4,9 miliardi di investimenti, miglior anno di sempre per il real estate commerciale nel capoluogo lombardo, anche migliore rispetto al record del 2015, in cui aveva avuto luogo l’Expo, e quando gli investimenti erano stati intorno ai 4,4 miliardi di euro. Un risultato, quello milanese, messo a segno soprattutto grazie al settore Uffici, che con 3,8 miliardi di euro ha rappresentato il 75% degli investimenti nel mercato immobiliare commerciale in città.