Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Per maggiori informazioni clicca qui.


NOTIZIE


30-11-2020

Successo per la versione Digital di MAPIC Cannes 2020: ”Immobiliare commerciale pilastro dello sviluppo urbano”

Il MAPIC Cannes si reinventa proponendo un’edizione 2020 ‘Digital’, con incontri e contenuti a distanza attraverso una piattaforma streaming, pensando però già al post-coronavirus, quando l’ampliata offerta online potrà portare un valore aggiunto alle edizioni in presenza: “La dimensione ‘phygital’ diventerà la nuova norma”, ha spiegato Nathalie Depetro, direttrice del MAPIC, “e rappresenterà un reale plusvalore per i partecipanti”.

L’evento dedicato al retail e al mercato immobiliare commerciale MAPIC Cannes, giunto alla 26/a edizione, ha dunque concluso la due giorni in programma facendo di necessità virtù, con la versione ‘Digital’ che ha in effetti colto nel segno: più di 2.300 professionisti internazionali del settore hanno partecipato agli oltre 1.200 incontri, mentre il percorso di 25 sessioni di conferenze ha visto per ognuna centinaia di connessioni live. E i contenuti rimarranno disponibili in Rete fino al 31 dicembre, con la possibilità di essere riprodotti in streaming sulla piattaforma.

Il percorso di sessioni digitali proposto da questa edizione del MAPIC, intitolato ‘Embracing collaborative retail: ready to change the rules?’, partendo dalla crescente importanza dei nuovi modelli di business nel retail, ha approfondito tre principali aree tematiche: Il crescente sviluppo degli spazi ad uso misto, l’esperienza del cliente e la complementarietà tra gli spazi fisici e il digitale.

“Tutti gli esperti internazionali che hanno partecipato ai dibattiti”, ha spiegato ancora la Depetro, “sono stati concordi nel ritenere che  per  il settore immobiliare commerciale retail sia fondamentale definire le evoluzioni future delle comunità sui territori, e MAPIC Digital intende contribuire a realizzare esattamente questo“.

Il tema scelto da questa edizione del MAPIC Cannes, ha avuto dunque l’obiettivo di aiutare i partecipanti  a identificare al meglio le profonde mutazioni del settore dell’immobiliare commerciale, nel quale emerge una crescente necessità di collaborazione tra i differenti attori coinvolti: “Il commercio è un pilastro dello sviluppo urbano”, ha spiegato ancora la Depetro, “e deve essere pensato in un contesto immobiliare che unisca differenti usi e funzioni”. Un risultato che si può ottenere unicamente “con la collaborazione tra i soggetti privati e gli amministratori dei territori”.

A partire da questa edizione di MAPIC Cannes gli organizzatori hanno inaugurato anche LeisurUp, evento parallelo al MAPIC che ha la finalità di creare una piattaforma di business in cui possano incontrarsi operatori del settore del tempo libero, pianificatori degli spazi urbani e player dell’immobiliare commerciale. Erano previsti più di 35 stand per la prima edizione di LeisurUp. L’evento è poi stato naturalmente integrato nell’esperienza digitale di MAPIC.

In conclusione, una versione di MAPIC Cannes, quella a distanza, che è riuscita in gran parte a superare il limite dettato dall’impossibilità dello svolgimento in presenza negli spazi del Palais des Festival, e che ha la chiara prospettiva di fondere la proposta di contenuti digitali con la versione fisica dell’evento, organizzato fin dalla nascita—nel 1995–dal gruppo leader mondiale nell’organizzazione di eventi fieristici Reed MIDEM. Appuntamento dunque a novembre 2021 con MAPIC Cannes Phygital.